Browsing Tag:

Vegano

Contest & co/ Piatti unici

Vegan bowl per il Master Vegan Challenge

Nella settimana dall’ 8 al 14 maggio sono stata a Tuttofood il grande mercato del food, che a Milano , durante la Food week, ospita i più grandi produttori di prodotti alimentari del mondo.

Ovviamente un occhio di riguardo va ai prodotti italiani e io, con altri foodblogger ( 15 per l’esattezza) , abbiamo avuto modo di conoscere i prodotti della linea Bio & Vegan di Mamma Emma e di partecipare ad un gioco molto divertente, una sorta di mistery box.

Dopo aver partecipato ad una master class sugli gnocchi ci hanno fatto pescare da una mistery box 3 ingredienti e con questi e gli gnocchi di Mamma Emma avremmo dovuto preparare un piatto vegano ovviamente.

I miei ingredienti erano Quinoa, Miglio e Germogli . Dopo un momento di panico ho deciso di preparare una sorta di buddha bowl, molto di moda adesso.

In una ciotola ho quindi messo  della quinoa , delle polpettine di miglio e verdura, gli gnocchi verdi alla spirulina e verdure.

Print Recipe
Vegan bowl
Tempo di preparazione 90 minuti
Tempo di cottura 30-40 minuti
Porzioni
4 persone
Tempo di preparazione 90 minuti
Tempo di cottura 30-40 minuti
Porzioni
4 persone
Istruzioni
Polpettine di miglio
  1. Per le polpettine di miglio cuocete il miglio, dopo averlo sciacquato bene sotto l'acqua, in 2 parti di acqua per ogni parte di miglio, in una pentola con il coperchio e a fuoco medio-basso. Salate solo a fine cottura. Deve cuocere bene ed assorbire tutta l'acqua, ci vorranno circa 30 minuti . Nel frattempo fate cuocere le zucchine a cubetti piccoli in un soffritto di olio e porro. Quando il miglio sarà cotto mettetelo in un mixer e frullatelo leggermente, quindi aggiungete le zucchine, la curcuma e un pochino di pane grattuggiato se l'impasto sembra troppo morbido. Regolate di sale e formate delle palline grandi come una noce. Mettetele su un piatto e fatele riposare in frigo per almeno 30 minuti. Quando saranno fredde passatele nel pane grattuggiato e friggetele fino a quando saranno ben dorate. Sono ottime anche fredde .
Bowl
  1. Cuocete la quinoa dopo averla lavata in 2 parti di acqua per una parte di quinoa per circa 20 minuti in acqua leggermente salata . Fate saltare gli gnocchi alla spirulina di Mamma Emma direttamente in una padella in poco olio, non c'è bisogno di lessarli prima. Con le carote e le rape formate dei spirali o tagliatele a julienne. Poi formate la bowl mettendo sul fondo l'insalata, poi la quinoa, le rape, le carote, le fette di avocado, gli gnocchi e le polpettine di miglio, servite dopo averli conditi con una vinegrette di oilod'oliva e senape di Digione. Se vi piacciono aggiungete dei semi misti fatti saltare in padella per pochi minuti senza nulla. Per ultimo aggiungete una manciata di germogli freschi .
Recipe Notes

Ovviamente potete variare le verdure a vostro piacimento e nelle polpettine di miglio potete aggiungere altre verdure oltre alle zucchine.

Insomma tanti colori e sapori ottimi, un piatto ideale anche per l’estate.

Con questa ricetta quindi partecipo al Master  Vegan Challenge di Mamma Emma

 

Conserve/ Contest & co/ Dolci/ Preparazioni base/ Ricette

Granola

Durante le vacanze, con i ragazzi a casa da scuola e i tempi rilassati, la colazione prende un’altro significato. Un momento di relax, di chiacchere, di programmazione della giornata, un momento in cui gustare con calma quello che di solito si fa in fretta, per non fare tardi a scuola o al lavoro.

Credo che anche a casa vostra, come nella mia, a Natale ci sia una sovrabbondanza di frutta secca e candita, quindi ne ho approfittato per preparare un po’ di granola per la colazione. Per farla ho usato i semi di Nuova terra, prodotti buonissimi, genuini e selezionati tra le migliori colture, con rispetto per la terra e attenzione alle materie prime, a cui ho aggiunto  nocciole, pistacchi, mandorle, albicocche e cranberries disidratati.

Per preparare la mia granola ho usato:

i semi di lino hanno un basso contenuto di zuccheri e di sodio e sono fonte di proteine, calcio, ferro e zinco. Contengono un buon apporto di fibre ed elevate quantità di acidi grassi essenziali, soprattutto Omega 3 e Omega 6 che hanno proprietà antinfiammatorie, aiutano a prevenire problemi cardiovascolari e mantengono alte le difese immunitarie.

i semi di girasole sono fra i semi oleosi quelli con il minor apporto calorico. Hanno un alto contenuto vitaminico giacché sono ricchi di: vitamina A, D, E, B1, B2 e B12. Per questo motivo sono dunque un alleato del sistema nervoso, del rafforzamento osseo e della pelle. In particolare è bene sapere che la vitamina B12 è praticamente assente negli alimenti di origine vegetale, e quindi si consiglia di consumare frequentemente i semi di girasole a chi segue un’alimentazione vegana o vegetariana,
Ricchi di preziosi sali minerali tra cui potassio, magnesio (un naturale alleato del cuore e un prezioso antistress), fosforo, ferro e zinco, i semi di girasole contengono inoltre la Lecitina, che aiuta a prevenire il colesterolo, e l’Acido Clorogenico, che svolge una preziosa azione antibatterica e antinfettiva.

i semi di zucca, ricchi di sali minerali come magnesio, selenio e zinco, fondamentale per il sistema immunitario e la salute dei capelli, i semi di zucca sono ricchi di acido linoleico e vitamina E, che ne garantiscono le proprietà antiossidanti.

 i semi di papavero, ricchi di Vitamina E, sono una preziosa fonte di proteine e grassi.
Utilizzati come rimedio naturale contro ansia e stress, hanno un blando effetto calmante sul sistema nervoso.
Contengono inoltre Calcio, un aiuto per la salute di denti e ossa, soprattutto per le donne in menopausa e Manganese che combatte i radicali liberi e contribuisce a tenere sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue.

i semi di sesamo che  sono ricchi di grassi Omega 3 e Omega 6 che aiutano a prevenire problemi cardiocircolatori.
Inoltre hanno una buona componente di zinco che rafforza il sistema immunitario e di selenio che frena l’azione dei radicali liberi. Contengono poi potassio, proteine, carboidrati, fosforo, ma soprattutto un gran quantitativo di calcio che aiuta a rinforzare ossa e denti di bambini e donne in menopausa.
I semi di sesamo aiutano a prevenire l’acidità di stomaco, potenziano la memoria e la concentrazione, sono poco calorici.
i semi di canapa  ottimi da aggiungere a macedonie, muesli, colazioni e minestre
Print Recipe
Granola
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Porzioni
4 porzioni
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Porzioni
4 porzioni
Istruzioni
  1. Mescolare in una larga ciotola i semi, i fiocchi d'avena, e la frutta secca. Unire olio, sciroppo d'acero e la vaniglia, mescolate bene finchè tutta la frutta sarà ben ricoperta . Mettetela su una teglia da forno coperta da carta forno e cuocete a 140° in forno ventilato mescolando ogni 5 minuti senza farla bruciare. Quando i semi saranno ben dorati toglierli dal forno e aggiungere il cocco e la frutta disidratata a pezzetti. mescolare bene e far raffreddare. Conservatela in un contenitore di vetro a chiusura ermetica. Gustatela con yogurt fresco, frutta fresca o latte, ma potete anche gustarla come dessert con del gelato alla vaniglia.
Recipe Notes

Potete arricchire la vostra granola con quello che più vi piace, io ad esempio ci metto dei pezzetti di cioccolato fondente, mia figlia aggiunge mandorle tostate e frutta fresca .

Con un buon yogurt greco o meglio ancora fatto in casa con questa ricetta e avrete una colazione perfetta per iniziare alla grande la giornata

Qui ho avuto modo di provare le alghe nori di Nuova terra preparando del sushi  e le ho trovate molto buone, così come i preparati per minestre , zuppe e i cereali, non perdete l’occasione di assaggiarli, meritano veramente.
Contest & co/ Ricette

My first trail mix

As you know my daugther Giulia  has grown to a healthy and natural food , her breakfast are really  tasty and colorful. She loves cereal, yoghurt and fruit, she  likes to experiment with new combinations and today she make this trial mix with hazelnuts , cranberries,dried mango ,pistachios, oatmel,  fresh raspberries or other fruit  and serve it with a cup of  soy yogurt .

fruit trail mix mappa-2

Nuts provide protein, fiber and healthy fats, dried cranberries and cranberry products contain significant amounts of antioxidants and other phytonutrients that may help protect against heart disease, cancer and other diseases, dried mango is extremely rich in vitamin A, which keeps skin and mucous membranes healthy so that they can protect against bacteria and viruses. Vitamin A also promotes eye health, and can reduce the risk for macular degeneration, the leading cause of blindness among older adults. Dried mangoes are also a good source of B-complex vitamins, which convert food into energy, relieve stress, and improve red blood cell production.

fruit trail mix ciotola-1

It’s a perfect vegan breakfast or for people who are lactose intolerant.

If you want to know more about dried fruit o nuts you can see Nuts.Com, 

My first trail mix
 
Prep time
tempo totale
 
Author:
Recipe type: fruit mix
Ingredienti
  • a ¼ cup of each:
  • walnut
  • cramberries
  • almond
  • hazelnut
  • raisin
  • pistachio
  • oatmeal
  • cashew
  • dried mango
  • fresh raspberries ( add for breakfast )
Spiegazione
  1. Mix all the ingredients except the raspberries that will be added at breakfast time and put everything in a jar airtight glass .

fruit trail mix -1

Come sapete la mia figlia Giulia è passata ad un alimentazione sana e naturale , le sue colazioni sono davvero gustose e colorate.
Ama cereali , yogurt e frutta , le piace sperimentare nuove combinazioni e oggi ha fatto questo trial mix con nocciole,cranberries ,
mango disidratato,pistacchi,fiocchi d’avena, lamponi freschi o altri frutti e servito con una tazza di yogurt di soia .
Le nocciole forniscono proteine, fibre e grassi sani,i cranberries secchi contengono quantità significative di antiossidanti
e altri fitonutrienti che possono aiutare a proteggere contro le malattie cardiache, cancro e altre malattie,
il mango disidratato è estremamente ricco di vitamina A, che mantiene la pelle e le mucose sano in modo che essi possano
proteggere contro batteri e virus.
La vitamina A promuove anche la salute degli occhi e può ridurre il rischio di degenerazione maculare,
la principale causa di cecità tra gli anziani. I mango sono anche una buona fonte di vitamine del complesso B,
che convertono il cibo in energia, alleviano lo stress e migliorano la produzione di globuli rossi .

1/4  di tazza per ogni ingrediente :

Noci

Cranberries disidratati

Mandorle

Nocciole

Uvetta

Pistacchi

Fiocchi d’avena

Anacardi

Mango disidratato

Lamponi freschi (da aggiungere solo al momento della colazione)

Mescolate tutti gli ingredienti secchi e conservateli in un vaso di vetro a chiusura ermetica. Servite con yogurt e lamponi o altra frutta fresca a piacere.

Questa è una è una perfetta colazione vegana ed è adatta anche a persone intolleranti al lattosio.

Se volete maggiori informazioni sulla frutta secca o disidratata potete guardare su Nuts.com

 
Drink e Cocktail/ Preparazioni base/ Ricette

Mango banana smoothies

Vi è mai capitato di acquistare della frutta e poi vederla  maturare troppo in fretta e non sapere cosa farne?  A me succede molto spesso, specie con le banane o le pesche, allora ho imparato a surgelare la frutta in eccesso, tagliandola a pezzi e facendo dei sacchetti con la dose per fare degli ottimi smoothies . Questo evita lo spreco della frutta ed è un’ottima fonte di frutta in inverno.

smoothies mango banana intera-1

Oggi mia figlia Giulia aveva preparato per pranzo del  riso jasmine al cocco con mango e prosciutto saltato, così approfittando del mango aperto abbiamo fatto 2 smoothies per merenda, freschi e pieni di vitamine, di un bellissimo giallo sole .

smoothies mango banana-1

Mango banana smoothies
 
Prep time
tempo totale
 
Author:
Recipe type: Smoothies
Cuisine: Internazionale
Porzioni: 2
Ingredienti
  • 1 mango grande maturo
  • 1 banana ( anche surgelata va bene)
  • 1 bicchiere di latte di riso
  • 2 cucchiai di succo limone
  • 5-6 cucbetti di ghiaccio se non usate la frutta congelata
Spiegazione
  1. Mettete tutti gli ingredienti nel bicchiere del frullatore e azionate per 1 minuto o fino a quando tutta la frutta sarà frullata. Se usate solo frutta fresca, non congelata aggiungete qualche cubetto di ghiaccio.
  2. Servire subito in bicchieri con una cannuccia grande.
  3. Potete regolare la densità aggiungendo altra bevanda di riso fino ad ottenere la consistenza che preferite.

Ovviamente potete farli con ogni tipo di frutta , potete anche aggiungere lamponi, fragole o mirtilli.

 

Dolci/ Ricette/ Torte

Crostata di farro e marmellata

No, non sono diventata vegana, no, non sto seguendo la moda del momento ma semplicemente a mia figlia è stato proibito, per motivi di salute, di mangiare latticini e farina bianca per un mese, quindi ci dobbiamo inventare dei dolci per la colazione e dei piatti che siano gustosi ma non le facciano sentire la privazione.

Crostata farro e albicocche-1

Sembra facile, ma ovunque scopri che ci sono burro, latte, panna, farina bianca, quindi abbiamo optato per una scelta di ricette vegane dove poter cambiare le farine in caso di farina 00.

Dopo aver studiato diverse ricette siamo arrivate a questa , che ci soddisfa e non ci fa rimpiangere la crostata tradizionale che sapete io adoro !

5.0 from 2 reviews
Crostata di farro e marmellata di albicocche
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Una crostata con marmellata di albicocche e farina di farro. Vegana e ottima per gli intolleranti al lattosio.
Author:
Recipe type: Crostata
Cuisine: Italiana
Porzioni: 1 torta da 20 cm
Ingredienti
  • 200 g Farina integrale di farro
  • 25 g amido di mais
  • 5 g lievito per dolci
  • 80 g zucchero di canna demerara
  • 60 g acqua
  • 35 g olio di semi di girasole
  • ½ cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • Per farcire:
  • 200 g marmellata di albicocche ( o un altro gusto a piacere )
Spiegazione
  1. Sciogliere lo zucchero di canna nell'acqua tiepida ( così non rimarranno i cristalli di zucchero ma otterrete una pasta liscia), Poi aggiungete l'olio, la vaniglia e il sale , stemperare bene tutto.
  2. a parte setacciate la farina di farro con il lievito e l'amido di mais.
  3. Mescolate ora la farina con i liquidi con un cucchiaio, l'impasto rimarrà consistente ma morbido, ( non sodo come una frolla normale) ma non preoccupatevi, avvolgete nella pellicola alimentare e mettete in frigo a riposare per almeno 1 ora.
  4. Prendete la pasta e stendetela su un piano ben infarinato ( ovviamente per noi solo farina di farro) a circa 3-4 mm di spessore. Rivestite una tortiera da crostata da 20/22 cm , bucherellate il fondo, riempite di marmellata e con la pasta avanzata fate delle decorazioni.
  5. Cuocete in forno caldo a 170° per circa 30 minuti. Fate attenzione perchè essendo la pasta già scura potrebbe ingannarvi sulla cottura. Fate raffreddare nella teglia prima di sformarla.

 

Crostata farro e marmellata albicocche-1

Come prima prova abbiamo fatto una semplice crostata con farina di farro e marmellata di albicocche.

Crostata farro-1

Contest & co/ Focacce/ Lievitati salati

Focaccia alle erbe aromatiche di Dunja Gulin

Eccomi alla seconda ricetta da testare del libro Pasticceria vegana di Danja Gulin. Non è un prodotto da pasticceria nel senso stretto della parola perchè è una focaccia, quindi un lievitato salato ma rientra con altre ricette salate nel libro che testeremo per voi questo mese con Cakes lab test and taste

focaccia vegan erbe -1

E’ una focaccia fatta con farina di farro, di segale e integrale , molto semplice da fare anche per i meno esperti di panificazione. So già cosa state pensando, tutte le focaccie o quasi sono vegan, si certo, ma proprio per questo rientra a pieno titolo in un libro di ricette vegan.

Focaccia alle erbe aromatiche
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Una morbida focaccia con farina di farro, segale e integrale .
Author:
Recipe type: focaccia vegan
Cuisine: internazionale
Porzioni: 6
Ingredienti
  • Per lo starter:
  • 40 g farina di segale
  • 55 ml acqua tiepida
  • 2 cucchiaini di lievito secco ( 5 g)
  • Per l'impasto:
  • 200 g farina di farro non sbiancata
  • 30 g farina integrale rinforzata
  • ½ cucchiaino di sale
  • 110 ml acqua tiepida
  • 1 cucchiaio d'olio + quello per la teglia
  • 1 cucchiaio di bevanda alla soia
  • Per finire :
  • 4 cucchiaini di erbe aromatiche secce ( rosmarino,origano, semi di finocchio a piacere)
  • 1 cucchiaino di sale grosso marino o dell'Himalaya
Spiegazione
  1. In una ciotola mescolate gli ingredienti per lo starter e fate riposare per 30 minuti coperto.
  2. Per l'impasto mescolate in un altra ciotola le farine e il sale, In una caraffa mettete l'acqua, l'olio e la bevanda di soia. A questo punto mescolate le 3 preparazioni insieme, versatele su un piano infarinato e lavoratelo per 5 minuti, finchè non sarà soffice e leggermente appiccicoso. Aggiungete farina se necessario.Mettete l'impasto in una ciotola unta e coprite e lasciate lo riposare per 2 ore e 30 minuti in un luogo caldo.
  3. Dopo questo riposo stendere la pasta in una teglia ben oliata usando i polpastrelli, partendo dal centro , verso gli angoli.Fate poi dei piccoli incavi con le dita , spruzzate con un po' d'olio, coprite e lasciate riposare ancora 2 ore.
  4. Distribuite le erbe secche e del sale sulla superficie e infornare a 180° per 20 minuti o fino a quando sarà dorata e croccanate

focaccia vegana erbe-1

Il risultato è una focaccia soffice dal sapore particolare. Ottima anche per essere farcita .

In base alla mia prova e al risultato dire che la ricetta si merita una faccina così

molto bene small

So che manca pochissimo ma potete provare a giocare con noi e la buonissima torta al cioccolato vegana per Crazy taste

 crazy ott15

 

bannerCrazyTaste0k

 

Conserve/ Dolci/ Ricette

I miei marron glacé

Perchè i  miei marron glacé ? Non solo perchè li ho fatti io, ma perchè so già che i puristi della ricetta avranno da ridire, ma a me piacciono così, quindi sono i miei, a modo mio. Se preferite si possono chiamare castagne candide, ma sempre quello sono, una bomba di zucchero e calorie, ma tanto, tanto buoni.

marron glacè

Sono partita dalla ricetta di Adriano, ma poi strada facendo ho modificato leggermente i tempi .

Parte fondamentale per la riuscita della ricetta sono i marroni, ovvero un tipo ben preciso di castagna, piuttosto grossa e senza pelliccine all’interno del frutto.

Sappiate già da ora che se anche riuscirete a pelarle tutte senza romperle, cuocendo alcune si apriranno, ma contiunate perchè proprio quei pezzetti saranno quelli più buoni.

Ci vuole solo un pochino di pazienza per pelarli, ma seguendo i consigli nella ricetta non avrete problemi.

castagna

castagna pelata

5.0 from 1 reviews
I miei marron glacé
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Delle deliziose castagne candite che diventano dei buonissimi dolci
Author:
Recipe type: dolce, confetteria
Cuisine: francese
Ingredienti
  • 1 kg di marroni
  • 1,4 kg zucchero ( 900 g +500 g)
  • 100 g glucosio
  • 1 stecca di vaniglia
  • 2 cucchiai di zucchero velo
  • Una padella bassa da fritti con cestello
Spiegazione
  1. Per prima cosa vanno pelate le castagne, per fare questo dovete inciderle lungo tutto il perimetro con un coltellino, arrivando fino alla polap, ma senza tagliarle troppo.
  2. mettetele a bagno in acqua fredda per almeno 1 ora.
  3. Intanto portate a bollore dell'acqua in una pentola.
  4. Prendete quindi 5-6 castagne per volta , tuffatele nell'acqua bollente e fatele cuocere finchè la buccia si aprirà, quindi scolatele e pelatele bene di entrambi le pelli.
  5. Poi mettetele in un cestino come quelli per le fritture .
  6. Quando avrete pelato tutte le castagne riempite la pentola per fritti di acqua, fatela sobbollire e metteteci il cestello con le castagne a cuocere per circa 10-15 minuti, ma il tempo dipende dalle vostre castagne, dovranno essere tenere, ma non troppo cotte o si romperanno subito.
  7. A questo punto, alzate il cestello, senza toccare le castagne, buttate l'acqua e preparate uno sciroppo con 900g di zuìcchero, 1 l d'acqua, il glucosio, la stecca di vaniglia tagliata per il lungo sempre nella stessa pentola. Quando comincia a sobbollire mettete le castagne con il cestello e fatele sobbollire per 10 minuti., Spegnete il fuoco, coprite e lasciate così per 24 ore.
  8. Dop un giorno, scolate le castagne con il cestello, appoggiatelo su un piatto e intando portate a bollore lo sciroppo. Quando bolle, abbassate la fiamma e mettete le castagne, cuocete ancora 4-5 minuti , spegnete , coprite e aspettate altre 24 ore.
  9. Fate così per 4 giorni, a questo punto avrete bisogno di aggiungere ancora dello sciroppo nella pentola, prendete i 550 g di zucchero avanzato e fatene uno sciroppo con 250 g di acqua che aggiungerete poi nella pentola con il resto dllo sciroppo del primo giorno.
  10. Dopo 6-7 giorni lo sciroppo sarà denso e formerà dei cristalli, in questo caso, non estraete il cestello con le castagne, ma fatelo sciogliere lasciando le castagne al suo interno o rischierete di romperle.
  11. All' 8° giorno , dopo aver fatto scaldare sciroppo e castagne scolatele, mettetele su una griglia ben distanziate, prendete ½ tazza di sciroppo , aggiungete lo zucchero a velo, stemperatelo bene e spennellate le castagne.
  12. Infornate a forno caldo a 220° per 2 minuti. Lasciate raffreddare bene e mettete nei pirottini.
  13. Si conservano chiuse in una scatola di latta per diversi giorni ( se non li mangiate tutti prima ).

Anche se sembra un lavoro lunghissimo  a parte il primo giorno, non vi porterà via più di 15 minuti al giorno e il risultato vi darà veramente tanta soddisfazione.

marron glacè 2

Potrete consumarli così , oppure per i pezzetti rotti, potrete servirli con del gelato alla vaniglia o della panna e meringhe.

Contatti/ Dolci/ Insalate

Castagnaccio vegano per Cakes lab test & taste

Questo mese la nostra scelta di Cakes lab test & taste è caduta su un libro particolare, Pasticceria vegana di Dunja Gulin. Spesso si pensa che la dieta vegana sia una dieta di privazioni ma non è assolutamente così, è un diverso modo di scegliere gli alimenti, senza per questo dover rinunciare a gusto e golosità.

Dopo la torta al cioccolato che potrete usare come base per la sfida di Crazy taste, io vi propongo un dolce  classico di questo periodo, il castagnaccio. Ora che i puristi non si indignino per la scelta della bevanda di riso al posto del latte, stiamo testando dolci vegani, non la tradizione.

castagnaccio vegano-1

Come per la ricetta classica il castagnaccio vegano è un impasto morbido di farina di castagne e pochi altri ingredienti, arricchito con pinoli, noci e uvetta.

5.0 from 2 reviews
Castagnaccio vegano
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
La versione vegana del classico dolce toscano con farina di castagne e frutta secca
Author:
Recipe type: dolce
Cuisine: italiana
Porzioni: 8
Ingredienti
  • 300 g farina di castagne
  • 1 punta di cucchiaino di sale
  • 1 punta di cucchiaino di semi di vaniglia
  • 60 g uvetta
  • 60 g pinoli
  • 60 g noci sgusciate
  • 1 cucchiaio di rum
  • scorza grattugiata di 1 arancia
  • 50 g olio ( 25+25)
  • 650 ml di bevanda di riso ( ma partite da 500 ml )
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • Per servire:
  • Sciroppo d'agave o panna di soia montata
Spiegazione
  1. Dopo averla ben lavata , mettete l'uvetta a bagno in acqua tiepida con 1 cucchiaio di rum.
  2. In una ciotola setacciate la farina di castagne, aggiungete il sale ( secondo me potete aumentarlo un pochino), la scorza, la vaniglia, 25 g d'olio e aggiungete la bevanda di riso mescolando con una frusta dolcemente, stemperando tutti i grumi della farina aggiungete liquido fino ad ottenere la consistenza di una pastella, ma non troppo liquida. Dato che dipenderà molto dalla farina partite con 450 ml, poi poco per volta aggiungetene un pochino fino alla giusta consistenza . Nel mio caso ne sono bastati circa 550 ml.
  3. Quando avrete la giusta consistenza aggiungete l'uvetta scolata dall'acqua , strizzata e asciugata con della carta da cucina all'impasto.
  4. Versatelo in una tortiera da 24 cm ben unta o foderata da carta forno.
  5. Ricoprite il dolce con i pinoli e le noci tritate, aggiungete qualche ago di rosmarino e il resto dell'olio ben distribuito sulla superficie.
  6. Cuocete in forno caldo a 200° per 30-40 minuti circa. La superficie dovrà essere leggermente screpolata.Fate raffreddare nella tortiera.
  7. Servite con la panna di soia montata o lo sciroppo d'agave.

castagnaccio 2-1

Il dolce è buono, non vi accorgerete dela differenza nella preparazione dal tradizionale castagnaccio, unici appunti, secondo il mio gusto, sono l’aggiunta di un pochino in più di sale e forse la scarsa dolcezza dell’impasto, che però viene sopperita dall’abbondante frutta secca sulla superficie.

Attenzione alla dose dei liquidi, metteteli poco per volta e se non è necessario non aggiungeteli tutti.

castagne-1

Per me comunque questa ricetta si merita una bella faccina felice.

bene piccolo

 

Dolci/ Lievitati dolci/ Ricette

Treccia russa, il mio primo dolce vegano.

Non voglio aprire una discussione sulle scelte alimentari ( e di vita) ma sono convinta che prima di parlare di qualcosa bisogna almeno provarla, ed ecco il mio primo dolce vegano.
Certo non è uno di quelli con tofu e cose strane( per me), ma è senza prodotti di origine animale , facilmente fattibile e soprattutto molto buono.
Mi ha spinto a questa prova Micol e devo dire che è stata una bella scoperta, che sicuramente mi porterà a provare altri dolci vegani.

Per uno stampo da 25 cm
125 gr farina00
125 gr farina Manitoba
120 gr latte di soya
  30 gr olio girasole
  50 gr zucchero di canna
    7 gr di lievito di birra fresco
    1 pizzico di sale
     Scorza di limone grattugiata
Marmellata per farcire ( io ho usato quella di albicocche )

Per rifinire
 30 gr Zucchero velo
   2 cucchiai di succo limone

Preparare un lievitino facendo sciogliere il lievito con il latte appena intiepidito e 2 cucchiai di farina, mescolare e far riposare per 30 minuti.
Mescolare tutti gli ingredienti e formare un’impasto liscio e sodo. Mettere in una ciotola e far lievitare  fino al raddoppio.
Quando l’impasto è pronto , stenderlo in un rettangolo lungo e stretto, spalmarlo di marmellata e arrotolarlo per il lato lungo.
Adesso viene  il bello, la formatura della treccia :
Tagliate 5 cm di rotolo e tenetelo da parte,
tagliate il rotolo ottenuto per il lungo lasciando 5 cm uniti ad una estremità .
Girate su se stesso il pezzetto intero e poi intrecciate le due metà della pasta, alla fine appoggiate la pasta che avevate tagliato all’inizio, così da formare una specie di rosa.
Mettete tutto in uno stampo da plumcake foderato di carta forno che prima avrete bagnato e ben strizzato , far lievitare per almeno 30/40 minuti.
Dato che mi sembrava difficile la comprensione ho fatto delle foto con una treccia al cioccolato ( così è più facile capire…spero ).

 Cuocere in forno a 180° per 35 minuti circa.
Nel frattempo sciogliete lo zucchero velo con il succo di limone, appena il dolce è cotto, spennellatelo con la glassa.
Far raffreddare su una gratella .

CONSIGLIA Torta di mais